Ganzirri, il Peloro e lo Stretto di Messina
Il sito della riviera Nord di Messina, da Paradiso a Rodia

Ganzirri, Torre Faro, Capo Peloro: splendide località turistiche situate nella cuspide nord-orientale della Sicilia, dove sembra lentamente riemergere dalle acque la lunga catena appenninica. E’ un luogo di grande fascino, sempre immerso in una straordinaria luce. Confusa fra terra e acque, con i singolari laghetti di Ganzirri, la sua estremità individua la linea di demarcazione fra Tirreno e Ionio, vicinissima alla costa calabra e caratterizzata dall’alto metallico traliccio, entrato a far parte del paesaggio. Due litorali ne definiscono i margini, il primo sulle rive dello Stretto dove si allunga l’abitato di Messina, l’altro, a nord, presenta le spiagge più densamente popolate d’estate. Sui colli, vecchi casali conservano talvolta inimmaginati tesori d’arte.

Località Nuova Panoramica
Articolo pubblicato online il 13 settembre 2007
Stampare logo imprimer

NUOVA PANORAMICA

Quartiere di appartenenenza fino al 2005: X "S. SALVATORE DEI GRECI",
attualmente annesso alla V Circoscrizione

Parrocchia: S. Gabriele dell’Addolorata;

Date delle prime registrazioni della parrocchia:

- nei registri dei battesimi: 9.8.1970
- nei registri dei matrimoni: 8.9.1973

Abitanti nel 1991 (Curia): 4.500

Chiese: S. Gabriele dell’Addolorata, parrocchiale.

NOTIZIE

Col nome di NUOVA PANORAMICA viene indicato un vasto complesso residenziale sorto a partire dagli anni sessanta, al di là della fiumara Annunziata, a monte dei villaggi Paradiso e Contemplazione, lungo la grande arteria denominata essa stessa "Nuova Panoramica" prolungamento della Circonvallazione.
Quando cominciarono a sorgere i primi condomini, la Provincia Siciliana dei Padri Passionisti programmò la costruzione di uno studentato per i suoi chierici su terreno in parte donato e in parte acquistato da podere dell’Aw. Mario Vitale. La Curia Arcivescovile, da parte sua, incoraggiò l’operazione sia offrendo l’aiuto finanziario per l’acquisto del terreno e sia affidando agli stessi Padri Passionisti la parrocchia che era reclamata dal rapido incremento edilizio e demografico della zona.
Fu così che la nuova parrocchia venne intitolata a S. Gabriele dell’Addolorata, Santo Passionista e Patrono della gioventù. Successivamente, però, l’improvviso calo delle vocazioni religiose persuase i Padri Passionisti a mutare consiglio e a rinunziare persino alla stessa parrocchia, la quale passò al clero diocesano, pur mantenendo la stessa denominazione del Santo Passionista.

Forum
Rispondere all’articolo

Nella stessa rubrica

0 | 5

I relitti dello stretto di Messina
il 17 agosto 2013
Località Faro Superiore
il 28 gennaio 2009
Località Curcuraci
il 7 novembre 2007
Località Torre Faro
il 8 ottobre 2007
Località Sant’Agata
il 2 ottobre 2007

evento a venire

Non di evento a venire


Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33