Ganzirri, il Peloro e lo Stretto di Messina
Il sito della riviera Nord di Messina, da Paradiso a Rodia

Ganzirri, Torre Faro, Capo Peloro: splendide località turistiche situate nella cuspide nord-orientale della Sicilia, dove sembra lentamente riemergere dalle acque la lunga catena appenninica. E’ un luogo di grande fascino, sempre immerso in una straordinaria luce. Confusa fra terra e acque, con i singolari laghetti di Ganzirri, la sua estremità individua la linea di demarcazione fra Tirreno e Ionio, vicinissima alla costa calabra e caratterizzata dall’alto metallico traliccio, entrato a far parte del paesaggio. Due litorali ne definiscono i margini, il primo sulle rive dello Stretto dove si allunga l’abitato di Messina, l’altro, a nord, presenta le spiagge più densamente popolate d’estate. Sui colli, vecchi casali conservano talvolta inimmaginati tesori d’arte.

Torre Bianca, o «Mazzone», o «Scollato»
Articolo pubblicato online il 4 agosto 2007
Stampare logo imprimer

A circa 500 metri da Torre Faro, insabbiata sul litorale, ancora si erge nonostante tutto la «Torre Bianca», o «Mazzone», o «Scollato»: di forma tronco-conica, alquanto tozza per l’interramento che ha subito negli anni, il piano terra adesso è diventato sotterraneo.
La torre che ha dato il nome alla località in cui sorge era utilizzata, anticamente, anche quale base d’appoggio intermedia per il trasporto dei viveri. Nel volume: «Governo generale di sanità e istruzioni del Lazzaretto della città di Messina», stampato a Palermo nel 1749, fra le disposizioni contenute, infatti, si legge: «Intorno alla provigione di Messina... il pane e altre provvisioni si mandino... da Milazzo nella Torre del Mazzone nel mezzo dellii Mortilli e del Faro». E ancora: «Una o due (feluche) servano per portar li viveri da Milazzo alla Torre del Mazzone, e scaricarli sulla palizzata».

«Questa Torre Bianca - ci dice Andrea Bambaci, che quattro anni fa l’ha riscoperta - è simile nella forma e nella composizione architettonica a quella esistente sul lungomare di Ganzirri. Adibita in seguito a stazione telegrafica, presenta interessanti soluzioni strutturali quali l’imponente pilastro centrale che sostiene il piano intermedio e la volta di copertura e la scala per il terrazzo, che si sviluppa a curva ricavata nello spessore murario. Ma, il fatto più eclatante, è rappresentato da una botola a pavimento attraverso la quale s’intravedono tracce di una più antica costruzione». ’

Forum
Rispondere all’articolo

evento a venire

Non di evento a venire


Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33