Ganzirri, il Peloro e lo Stretto di Messina
Il sito della riviera Nord di Messina, da Paradiso a Rodia

Ganzirri, Torre Faro, Capo Peloro: splendide località turistiche situate nella cuspide nord-orientale della Sicilia, dove sembra lentamente riemergere dalle acque la lunga catena appenninica. E’ un luogo di grande fascino, sempre immerso in una straordinaria luce. Confusa fra terra e acque, con i singolari laghetti di Ganzirri, la sua estremità individua la linea di demarcazione fra Tirreno e Ionio, vicinissima alla costa calabra e caratterizzata dall’alto metallico traliccio, entrato a far parte del paesaggio. Due litorali ne definiscono i margini, il primo sulle rive dello Stretto dove si allunga l’abitato di Messina, l’altro, a nord, presenta le spiagge più densamente popolate d’estate. Sui colli, vecchi casali conservano talvolta inimmaginati tesori d’arte.

Navigazione con "rotatoria" nello Stretto di Messina
Articolo pubblicato online il 11 dicembre 2009
Stampare logo imprimer

In vigore dal primo dicembre il decreto del 23 giugno 2008, n. 128 del
MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI che
introduce un nuovo schema di separazione del traffico per la disciplina della navigazione marittima nello Stretto di Messina.

Stralcio dell’ allegato pubblicato in GU n. 176 del 29-7-2008:

Lo schema di separazione del traffico dello Stretto di Messina e’ composto da tre settori (nord, centro e sud).

Settore nord

, e’ costituito da:

(a) Una zona di precauzione N1, compresa in un area semicircolare di raggio 1.3 Mn centrata nel punto di coordinate 38³ 1 7,040’N - 015³ 41,480’E e connessa con i limiti nord dello schema di separazione del traffico.

(b) Una zona di separazione ampia 300 metri congiungente i seguenti punti di coordinate:

(1) 38° 16,676’N - 15° 41,186’ E;

(2) 38° i5,797’N - 15° 40,770’ E;

(3) 38° i4,242’N - 15° 36,556’ E;

(4) 38° 13,464’N - 15° 36,437’ E;

(5) 38° 13,545’N - 15° 36,656’ E;

(6) 38° i4,133’N - 15° 36,747’ E;

(7) 38° i5,678’N - 15° 40,933’ E;

(8) 38° 16,623’N - 15° 41,381’ E;

(c)

Corsia di traffico per il traffico diretto verso Nord

(rotte indicative 065° - 020°), e’ stabilita tra la zona di separazione e la linea di separazione congiungente i seguenti punti di coordinate:

(9) 38° 13,840’ N - 015° 37,450’ E;

(10) 38° 15,540’ N - 015° 42,000’ E;

(11) 38° 16,240’ N - 015° 42,800’ E.

(d)

Corsia di traffico per il traffico diretto verso Sud

(rotte indicative 200³ - 245³ - 190³), e’ stabilita tra la zona di separazione e la linea di separazione congiungente i seguenti punti di coordinate:

(12) 38° 17,040’N - 015° 39,500’ E;

(13) 38° 15,940’N - 015° 39,850’ E;

(14) 38° 14,540’N - 015° 35,950’ E;

(15) 38° 13,140’N - 015° 35,550’ E.

(e) Una zona di precauzione N.2 (Ovest) tra il settore nord e sud dello schema di separazione del traffico, compresa tra la costa Siciliana ed una linea congiungente i seguenti punti di coordinate:

(16) 38° 13,070’N- 015° 34,080’ E;

(15) 38° 13, 140’N - 015° 35,550’ E;

(17) 38° 11,840’N- 015° 35,100’ E;

(18) 38° 11,830’N - 015° 34,360’ E.

(f) Una zona di precauzione N.3 (Est) tra il settore nord e sud dello schema di separazione del traffico, compresa tra la costa Calabra ed una linea congiungente i seguenti punti di coordinate:

(19) 38° 13,840’N - 015° 38,120’ E;

(9) 38° 13,840’N - 015° 37,450’ E;

(20) 38° 12,610’N - 015° 37,450’ E;

(21) 38° 12,610’N - 015° 38,030’ E.

(g) Una rotatoria centrata nel punto di coordinate 38° 12,680’N - 15° 36,400’E. di 250 m (0 500 m) di raggio.

Settore sud

costituito da:

(h) Una zona di separazione ampia 300 metri congiungente i seguenti punti di coordinate:

(22) 38° 11,833’N - 015° 36,147’ E;

(23) 38° 08,938’N - 015° 35,698’ E; (24) 38° 08,938’N - 015° 35,905’E;

(25) 38° 11,833’N - 015° 36,354’E;

(i) Corsia di traffico per il traffico diretto verso Nord (rotte indicative 005³), e’ stabilita tra la zona di separazione e la linea di separazione congiungente i seguenti punti di coordinate:

(26) 38° 08,940’N - 015° 38,350’E; (27) 38° 10,840’N - 015° 37,450’E;

(I) Corsia di traffico per il traffico diretto verso Sud (rotte indicative i 90³), e’ stabilita tra la zona di separazione e la linea di separazione congiungente i seguenti punti di coordinate:

(17) 38° 11,840’N - 015° 35,100’E;

(28) 38° 10,840’N - 015° 34,800’E;

(29) 38° 08,940’N - 015° 33,350’E.

(m) Una zona di precauzione N. 4 posizionata a sud della parte meridionale dello schema di separazione del traffico, nella zona tra le coste opposte della Sicilia e Calabria e le latitudini 38³ 08,940’N e 38³ 06,940’N.

Zone di Traffico Costiero

Le zone sono comprese tra la costa ed i limiti esterni delle corsie di traffico, come di seguito specificato:

Zona di traffico costiero A:

Area compresa tra la corsia di direttrice Sud dello Schema di separazione del traffico - Settore Nord e la costa siciliana, delimitata a Nord dalla congiungente il punto (30) 38° 16, 120’ N - 15° 39,1 50’E ed il punto (13) a Sud dalla Zona di precauzione N. 2.

Zona di traffico costiero B:

Area compresa tra la corsia di direttrice Sud dello Schema di separazione del traffico - Settore Sud e la costa siciliana, delimitata a Nord dalla Zona di precauzione N. 2 ed a Sud dalla Zonadi precauzione N. 4.

Zona di traffico costiero C:

Area compresa tra la corsia di direttrice Nord dello Schema di separazione del traffico - Settore Sud e la costa calabra, delimitata a Nord dalla Zona di precauzione N. 3 ed a Sud dalla Zona di precauzione N. 4.

Zona di traffico costiero D:

Area compresa tra la corsia di direttrice Nord dello Schema di separazione del traffico - Settore Nord e la costa calabra, delimitata a Nord dalla congiungente il punto (10) ed il punto (31) 38° 15,180’N - 015° 42,130’E ed a Sud dalla Zona di precauzione N. 3.


freccia Sul web :
Forum
Rispondere all’articolo


Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33