Ganzirri, il Peloro e lo Stretto di Messina
Il sito della riviera Nord di Messina, da Paradiso a Rodia

Ganzirri, Torre Faro, Capo Peloro: splendide località turistiche situate nella cuspide nord-orientale della Sicilia, dove sembra lentamente riemergere dalle acque la lunga catena appenninica. E’ un luogo di grande fascino, sempre immerso in una straordinaria luce. Confusa fra terra e acque, con i singolari laghetti di Ganzirri, la sua estremità individua la linea di demarcazione fra Tirreno e Ionio, vicinissima alla costa calabra e caratterizzata dall’alto metallico traliccio, entrato a far parte del paesaggio. Due litorali ne definiscono i margini, il primo sulle rive dello Stretto dove si allunga l’abitato di Messina, l’altro, a nord, presenta le spiagge più densamente popolate d’estate. Sui colli, vecchi casali conservano talvolta inimmaginati tesori d’arte.

Horcynus Festival
Articolo pubblicato online il 11 settembre 2009
Stampare logo imprimer

L’ultimo appuntamento dell’Horcynus Festival (in continuità con le altre sessioni che hanno anticipato ed attraversato questa VII edizione), prevede per le giornate del 12/13 e 14 settembre l’atteso epilogo con l’arrivo del Grubus Theatre, il palcoscenico ambulante che stazionerà nella piazzetta antistante il complesso monumentale della Torre degli Inglesi a Capo Peloro. L’evento verrà presentato venerdì 11 settembre alle ore 11 - nella Sala Giunta della Provincia Regionale di Messina - alla presenza dei giornalisti che si confronteranno con gli organizzatori e i responsabili dello spettacolo.

Il Grubus Theatre è un autobus a due piani trasformato dal Teatro delle Gru di Matera in un suggestivo palcoscenico ambulante. Punto di partenza Matera, luogo in cui ha inizio il Viaggio Meridionale del Grubus Theatre che dall’11 al 14 settembre farà tappa a Messina dove effettuerà ben tre Viaggi da fermo, rispettivamente a Parigi, Lourdes e Lisbona. Il progetto "Viaggi da fermo" scommette sulla possibilità di intraprendere viaggi in tutto il mondo senza che il GRUBUS si sposti fisicamente; lo studio approfondito dello spazio da parte degli attori (dalle dimensioni alle sue oscillazioni) permette ai "viaggiatori" di muovere il GRUBUS e di raggiungere le città in meno di 50 minuti. La sospensione del tempo e dello spazio di cui è capace il teatro, la bravura degli esecutori (Luciana Paolicelli, Giovanna Staffieri, Marco Tizianel, Dario Garofalo, Paola Carbone, gli allievi della Scuola di Teatro Naturale del Teatro dei Sassi) e la presenza attiva dei viaggiatori, consentiranno al GRUBUS di muoversi per poi condurlo progressivamente a destinazione.
I Viaggi da fermo sono viaggi emozionanti in cui i paesaggi geografici si confondono con quelli dell’anima e in cui le mappe, gli itinerari e i percorsi si delineano in tempo reale grazie all’intensa relazione tra i partecipanti. Il Viaggio si avvale della collaborazione di tre compagnie teatrali di ricerca italiane che ne hanno sposato il progetto: il Manachuma Teatro di Reggio Calabria, Scenari Visibili di Lamezia Terme e la Barraca di Cosenza.
Prossime destinazioni del Grubus Theatre - dopo l’anteprima di Matera e la sosta di Messina negli spazi del Parco Horcynus Orca - saranno la città di Crotone e il comune di Castrolibero in provincia di Cosenza.

Nella conferenza stampa dell’11 settembre alla provincia Regionale di Messina - contestualmente al Grubus Theatre - sarà presentato il documentario "I Giorni della Rabbia" che andrà in onda lunedì 14 settembre alle ore 23.30 su Rai2 all’interno del programma di Giovanni Minoli "La storia siamo noi". "I giorni della rabbia" è un documentario di Amedeo Ricucci, giornalista RAI di origini calabresi, a cui sono stati attribuiti negli anni diversi riconoscimenti nazionali e internazionale (fra cui il Premio Ilaria Alpi nel 2001); il prezioso documento analizza per la prima volta in maniera approfondita la Rivolta di Reggio Calabria attraverso le voci dei protagonisti e le immagini dello spettacolo teatrale ’70voltesud di Salvatore Arena e Massimo Barilla (coprodotto da Mana Chuma Teatro e Horcynus Festival ’07) di cui sono riportati alcuni estratti significativi. Ed è soprattutto grazie al contributo dello spettacolo teatrale ’70voltesud di Mana Chuma Teatro che la quasi quarantennale rimozione di quelle drammatiche vicende sembra finalmente essere stata messa in crisi da un instancabile lavoro di riscoperta, di ininterrotto studio delle fonti, di revisione politica e civile. A presentare il documentario ed esporne i contenuti ai giornalisti presenti alla conferenza stampa sarà lo stesso Massimo Barilla, curatore della sezione teatrale dell’Horcynus Festival e Responsabile dell’Associazione culturale Mana Chuma Teatro.

Teatro delle Gru - Matera
GRUBUS THEATRE
Tel. +39 0835 239910
www.teatrodellegru.it
info@teatrodellegru.it

Parco letterario Horcynus Orca
piazzetta Torre degli Inglesi
località Torre Faro
Capo Peloro - Messina
+39 090 325236

Forum
Rispondere all’articolo


Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33