Ganzirri, il Peloro e lo Stretto di Messina
Il sito della riviera Nord di Messina, da Paradiso a Rodia

Ganzirri, Torre Faro, Capo Peloro: splendide località turistiche situate nella cuspide nord-orientale della Sicilia, dove sembra lentamente riemergere dalle acque la lunga catena appenninica. E’ un luogo di grande fascino, sempre immerso in una straordinaria luce. Confusa fra terra e acque, con i singolari laghetti di Ganzirri, la sua estremità individua la linea di demarcazione fra Tirreno e Ionio, vicinissima alla costa calabra e caratterizzata dall’alto metallico traliccio, entrato a far parte del paesaggio. Due litorali ne definiscono i margini, il primo sulle rive dello Stretto dove si allunga l’abitato di Messina, l’altro, a nord, presenta le spiagge più densamente popolate d’estate. Sui colli, vecchi casali conservano talvolta inimmaginati tesori d’arte.

"Sfinci" di San Giuseppe
Articolo pubblicato online il 19 marzo 2009
Stampare logo imprimer

Ingredienti

:
500 gr. di acqua; 100 gr. strutto o burro; 300 gr. farina; 10 g di zucchero; 6 uova; 1 pizzico di sale; 500 g di crema di ricotta: (ricotta-zucchero-gocce di cioccolato); arancia candita; pistacchi tritati; ciliegine candite

Preparazione

mettere in una pentola l’acqua e lo strutto (o il burro), quando raggiunge il bollore, togliere la pentola dal fuoco e versare in un sol colpo la farina, lo zucchero e il pizzico di sale.

Mescolare bene e rimettere sul fuoco fino a quando l’impasto si stacca dalle pareti della pentola.

Far intiepidire l’impasto ed aggiungere le uova una per volta, mescolando energicamente.

Far friggere in abbondante olio caldo versando l’impasto con un cucchiaio.

Un passaggio fondamentale in questa fase è la "mazziatura" della sfincia: punzecchiare con la forchetta e batterla leggermente al centro per darle la caratteristica forma di due sfere adiacenti.

Quando le sfinci sono ben dorate e gonfie metterle a sgocciolare su carta da cucina.

Una volta tiepide, riempirle di crema e metterne un po’ anche nell’incavo creato durante la frittura.

Coprire con la granella di pistacchio, la scorza d’arancia e una ciliegina candita.


freccia Sul web : Fonte
Forum
Rispondere all’articolo

Nella stessa rubrica

0 | 5

Gamberoni in salsa piccante
il 11 febbraio 2009
Tagliatelle ai ricci di mare
il 10 febbraio 2009
Pasta con l’anciova
il 3 febbraio 2009
Cannoli di ricotta
il 16 gennaio 2009
Cassata al forno
il 22 ottobre 2008

evento a venire

Non di evento a venire


Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33