Ganzirri, il Peloro e lo Stretto di Messina
Il sito della riviera Nord di Messina, da Paradiso a Rodia

Ganzirri, Torre Faro, Capo Peloro: splendide località turistiche situate nella cuspide nord-orientale della Sicilia, dove sembra lentamente riemergere dalle acque la lunga catena appenninica. E’ un luogo di grande fascino, sempre immerso in una straordinaria luce. Confusa fra terra e acque, con i singolari laghetti di Ganzirri, la sua estremità individua la linea di demarcazione fra Tirreno e Ionio, vicinissima alla costa calabra e caratterizzata dall’alto metallico traliccio, entrato a far parte del paesaggio. Due litorali ne definiscono i margini, il primo sulle rive dello Stretto dove si allunga l’abitato di Messina, l’altro, a nord, presenta le spiagge più densamente popolate d’estate. Sui colli, vecchi casali conservano talvolta inimmaginati tesori d’arte.

Involtini di pescespada alla messinese
Articolo pubblicato online il 12 giugno 2007
Ultima modifica il 8 novembre 2007
Stampare logo imprimer

Per 6 persone

- 600 g di pesce spada, in fette molto sottili
- 2 cucchiai pangrattato
- 50 gr. parmigiano grattugiato
- 50gr. formaggio pepato siciliano grattugiato
- 1 cucchiaio pinoli
- 1 cucchiaio uvetta
- 1 cipolla tagliata a velo
- olio extravergine di oliva
- 2 cucchiai prezzemolo tritato
- sale e pepe
- pangrattato per l’impanatura

preparazione

In un poco di olio fate appassire la cipolla, aggiungete poi 200 g di pesce spada tagliato fine, il pan grattato, i pinoli, il parmigiano, l’uva passa, il sale il pepe. Amalgamate bene il tutto e fate insaporire per qualche minuto.
Nel frattempo spianate le altre fettine di pesce spada con il batticarne in modo da raggiungere uno spessore di circa 5 cm, adagiate al centro di ogni fettina un po’ del composto appena preparato ed arrotolatela poi su se stessa facendo in modo di chiudere bene le estremità per evitare che il ripieno fuoriesca. Con uno spiedino infilzate gli involtini ottenuti, tenendoli separati da una foglia di alloro. Passateli ancora nel pane grattato in modo che ne vengano ben ricoperti, adagiateli su una pirofila leggermente unta con dell’olio, bagnateli con un filo di olio e fateli cuocere nel forno a 180° C per circa 20 minuti.
Quando sono ben dorati, sfornate e servite subito.

Forum
Rispondere all’articolo

Nella stessa rubrica

0 | 5

"Sfinci" di San Giuseppe
il 19 marzo 2009
Gamberoni in salsa piccante
il 11 febbraio 2009
Tagliatelle ai ricci di mare
il 10 febbraio 2009
Pasta con l’anciova
il 3 febbraio 2009
Cannoli di ricotta
il 16 gennaio 2009

evento a venire

Non di evento a venire


Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33