Ganzirri, il Peloro e lo Stretto di Messina
Il sito della riviera Nord di Messina, da Paradiso a Rodia

Ganzirri, Torre Faro, Capo Peloro: splendide località turistiche situate nella cuspide nord-orientale della Sicilia, dove sembra lentamente riemergere dalle acque la lunga catena appenninica. E’ un luogo di grande fascino, sempre immerso in una straordinaria luce. Confusa fra terra e acque, con i singolari laghetti di Ganzirri, la sua estremità individua la linea di demarcazione fra Tirreno e Ionio, vicinissima alla costa calabra e caratterizzata dall’alto metallico traliccio, entrato a far parte del paesaggio. Due litorali ne definiscono i margini, il primo sulle rive dello Stretto dove si allunga l’abitato di Messina, l’altro, a nord, presenta le spiagge più densamente popolate d’estate. Sui colli, vecchi casali conservano talvolta inimmaginati tesori d’arte.

Mostra fotografica "Lo Stretto indispensabile"
Articolo pubblicato online il 1 settembre 2008
Stampare logo imprimer

Dal 4 al 12 settembre il Capo Peloro Resort (ME) ospiterà una mostra fotografica itinerante avente ad oggetto scenari inediti dello Stretto di Messina.

L’evento, dal titolo "Lo Stretto indispensabile" , patrocinato della Provincia Regionale di Messina, è prodotto e coordinato dall’associazione culturale Viaggioinverso in collaborazione con altre realtà associative del territorio (Torre del Faro, Meteoweb, Arknoah) e vuole essere racconto per immagini di ciò che dello Stretto di Messina è parte tanto essenziale quanto poco raccontata.

La mostra, che prevede l’esposizione di artisti – fotoamatori siciliani e calabresi, sarà allestita nei locali del nuovo Capo Peloro Resort di Torre Faro, che si colloca su uno degli scenari più affascinanti del nostro braccio di mare.

La cerimonia inaugurale, con ingresso libero, si terrà il 4 settembre p.v. alle ore 19,30.

Presentazione

Esistono pochi luoghi al mondo dove si concentrano, al contempo, tante e tali meraviglie che la natura ci ha donato e che l’ingegno dell’uomo ha prodotto. Il Mediterraneo, culla di quelle civiltà che hanno segnato lo sviluppo dei popoli, trova nello Stretto di Messina quella centralità che in fisica è sinonimo di equilibrio e quella medianità che in morale è simbolo di virtù. La speciale posizione di questo braccio di mare da un lato offre al pennello dell’artista e all’obbiettivo del fotografo splendide vedute, dall’altro richiama lo scienziato allo studio di importanti fenomeni attinenti alla geofisica, all’oceanografia e alla climatologia, nonché particolari aspetti relativi alla flora e alla fauna.

In tal senso, l’esigenza di dare una originale rappresentazione dello Stretto, che vada oltre le tradizionali immagini "da cartolina" , ha costituito il punto di partenza verso una mostra fotografica ad esso dedicata. Abbiamo dunque provato ad immaginare lo Stretto come un mosaico formato da un insieme di tasselli, ai quali va sì riconosciuta una propria valenza specifica, ma che solo alle nostre latitudini diventano strettamente necessari alla formazione di un coerente quadro rappresentativo.

La ricerca di una location significativa ha trovato nell’area di Capo Peloro, incastonato come una pietra preziosa tra due mari di cristallo, la giusta dimensione del nostro piccolo sforzo organizzativo. Alla struttura che ci ospita va un cordiale ringraziamento per l’elegante spazio concesso; agli amici fotoamatori, che con i loro inusitati scatti hanno dato concretezza alle nostre idee, un plauso di mera ammirazione.

Downloads File da inviare:
  • locandina_mostra_BIS.jpg
  • 109 Kb / JPEG
Forum
Rispondere all’articolo

evento a venire

Non di evento a venire


Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33